PETRA 20182018-03-07T14:57:52+00:00

In questa lunga intervista i due volti di Gianluca Cristoni: Presidente della Fondazione e titolare di Latifolia Group, leader negli allestimenti.

A Modena durante la Mostra internazionale dell’antiquariato “Petra-Modenantiquaria“, il visitatore di Petra, si è sentito come Rinaldo, nella Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso e varcherà i confini del Giardino Incantato, per essere fatto prigioniero dall’Arte, dalla Storia e dal Design.
Biodiversity.Bio, ha aperto una finestra sul web nei giorni 12 e 13 febbraio, con la ricetta vincente delle dirette streaming, accompagnate da articoli di approfondimento e live blogging del magazine online: un successo di numeri e condivisioni.

Oltre 22.000 persone raggiunte di cui quasi 9.000 in diretta.

Per il nostro  viaggiatore del tempo, la visita è iniziata con un portale, una parete di roccia con rivoli d’acqua che hanno aperto un varco nel folto di un Bosco, in cui è difficile percepire quanto è vivo, da quanto è frutto delle piante Easy Green/Latifolia Group.
Poi da sotto un arco di ulivi o di carpino, calpestando morbidi sentieri surreali di fine granito, si è scivolati negli angoli di verde verticale che hanno ospitano una Dea dell’Estate e il pozzo veneziano del XV secolo, proposti da Antichità La Pieve, per giungere con un salto temporale nella scena di un film anni ’50, dove ha fatto capolino il ristoro al bancone di un bar d’epoca, riportato alla luce da Steno Tonelli di Globe Theatre e gestito da Piacere Modena.

A Petra-Modenantiquaria Biodiversity.Bio ha presentato le dirette in live streaming
da 
“Il giardino incantato di Armida”

A Modena durante la Mostra internazionale dell’antiquariato “Petra-Modenantiquaria“, il visitatore di Petra, si è sentito come Rinaldo, nella Gerusalemme Liberata di Torquato Tasso e varcherà i confini del Giardino Incantato, per essere fatto prigioniero dall’Arte, dalla Storia e dal Design.
Biodiversity.Bio, ha aperto una finestra sul web nei giorni 12 e 13 febbraio, con la ricetta vincente delle dirette streaming, accompagnate da articoli di approfondimento e live blogging del magazine online: un successo di numeri e condivisioni.

Oltre 22.000 persone raggiunte di cui quasi 9.000 in diretta.

Per il nostro  viaggiatore del tempo, la visita è iniziata con un portale, una parete di roccia con rivoli d’acqua che hanno aperto un varco nel folto di un Bosco, in cui è difficile percepire quanto è vivo, da quanto è frutto delle piante Easy Green/Latifolia Group.
Poi da sotto un arco di ulivi o di carpino, calpestando morbidi sentieri surreali di fine granito, si è scivolati negli angoli di verde verticale che hanno ospitano una Dea dell’Estate e il pozzo veneziano del XV secolo, proposti da Antichità La Pieve, per giungere con un salto temporale nella scena di un film anni ’50, dove ha fatto capolino il ristoro al bancone di un bar d’epoca, riportato alla luce da Steno Tonelli di Globe Theatre e gestito da Piacere Modena.

Taglio del nastro per il progetto di Biodiversity.Bio, edizione 2018, con la partnership di Petra-Modenantiquaria, la mostra internazionale dedicata ai grandi operatori del settore, italiani e stranieri. Un appuntamento fisso per Latifolia Group che anche quest’ano ha realizzato una scenografia in stile green life.
Tanti gli ospiti illustri che si sono avvicinati al nostro microfono, portando testimonianza delle loro storie.

Cosa è successo nelle dirette