Sana: Biodiversity.Bio e Aiab – Bio Bank

Sana 2018 apre ieri con un taglio del nastro e un’immagine rinnovata, portando sul banco i primi dati di sintesi e l’Hub di giornalismo Biodiversity.Bio Fondazione BioHabitat, tiene il microfono per AIAB che in un convegno organizzato in area MIPAAFT, ha invitato Ass.o.Cert.Bio, Bio Bank e Biosüdtirol.

La filiera corta fino al Made in Italy confermati da una sintesi del Rapporto 2018 – Bio Bank, presentato da Rosa Maria Bertino, mette in luce uno degli aspetti più innovativi di questa stagione di successo del Biologico.
“E’ un momento epocale del biologico, ma la filiera corta rimane un punto forte. Nel bio abbiamo tre mila spacci di vendita diretta, centinaia di mulini e frantoi. Un mondo bellissimo, niente da inventare, è tutto pronto”
Con la presentazione dei dati di Bio Bank che festeggia i 25 anni “sono censite 10 mila e una attività, più di 9 mila nell’alimentare, e oltre 900 sulla cosmesi. Una fotografia che vede anche le aziende di vendita diretta.
Nel 1976 i mercatini erano 174 oggi sono 238. La vendita diretta in azienda passa da un migliaio nel 2003 a 2079.
I gruppi di acquisto nati nel 1998 con 15 presenze, sono ora 813. Le mense scolastiche sono 1311 su oltre 8000
Contati per la prima volta gli agriturismi nel 1995, oggi sono 1497. Una fotografia quantitativa ma che lascia intendere il trend.”

Il canale storico sta soffrendo ma hanno una conoscenza del settore e una informazione più capillare.

I valori oggi il bio lo fanno tutti, che cosa hanno da dire coloro che hanno iniziato trent’anni fa?
“Ci mettono anche il valore sociale. Se fai biologico non ti puoi fermare.”
Chiude la dott.sa Bertino”Benvenuta certificazione, ma andiamo oltre. Ciò che sta crescendo a tre cifre è la cosmesi bio certificata. Sono 426.”

By |2018-09-09T11:38:21+00:00settembre 8th, 2018|Magazine, Media|Commenti disabilitati su Sana: Biodiversity.Bio e Aiab – Bio Bank